ecobiocontrol

Open full view…

Esperimenti e teoria

utente01
Wed, 09 Jun 2021 14:04:05 GMT

Ciao Fabrizio. Avrei alcune questioni da sottoporti sui prodotti per capelli: 1) I condizionanti cationici usati in balsami e maschere per capelli teroricamente sono sostanze che avvolgono e rimangono appiccicati ai capelli oppure si lavano via completamente ad ogni lavaggio senza lasciare residui? 2) I tensioattivi anionici e cationici hanno rispettivamente carica negativa e positiva; mescolarli significherebbe annullare le rispettive cariche e quindi il composto non laverebbe né districherebbe. In merito vorrei chiedere una informazione: l'annullamento complessivo di TUTTE le cariche (negative e positive) avverrebbe solo quando le molecole degli anionici fossero della stessa quantità delle molecole di cationici oppure le cariche si neutralizzerebbero anche con quantità molto difformi? Per esempio cosa accadrebbe se unissimo una alta quantità di shampoo (contenente anionici tipo il sarcosinato o SLS come tensioattivo primario) e una piccola quantità di balsamo (contenente cationici)? È possibile che si annullerebbero reciprocamente solo tante molecole di anionici quan te quelle dei cationici presenti nel composto mentre le molecole di anionici residuali manterrebbero la carica negativa e quindi una capacità lavante? Ancora più esplicitamente: se mischio shampoo e balsamo e ci sono 100 molecole di anionici e 30 di cationici, le 70 molecole di anionici residuali conserverebbero le proprie peculiarità chimiche di detergenza?

Fabrizio ecobiocontrol
Fri, 11 Jun 2021 17:12:21 GMT

> @utente01 > rimangono appiccicati ai capelli oppure si lavano via completamente ad ogni lavaggio senza lasciare residui dipende dal tipo di cationico. L'esterqaut ad esempio si toglie completamente al lavaggio successivo. Mentre i cationici pesanti (ed i siliconi quaternizzati) ci accumulano sui capelli, si accumulano molto. > @utente01 > ci sono 100 molecole di anionici e 30 di cationici, le 70 molecole di anionici residuali conserverebbero le proprie peculiarità chimiche di detergenza? sì ma il 30% di anionico lo avresti perso completamente e quel che è peggio anche la totalità dei cationici. In realtà ci sono dei cationici che hanno dimensioni così piccole da legarsi con gli anionici ma il risultato finale è ancora solubile in acqua e quindi funzionano entrambi anzi funzionano più delle due sostanze separate. Altra forma di compatibilità si verifica quando un cationico ha una "nuvola elettronica" così importante che neutralizza parte della carica positiva dell'azoto ed allora, miracolosamente, anionici e cationici convivono tranquillamente assieme. Ciao Fabrizio

utente01
Wed, 16 Jun 2021 05:43:12 GMT

Ti ringrazio per la spiegazione molto approfondita, è sempre molto apprezzata! Avendo l'esigenza di lavare molto i capelli, è da un po' di tempo che vorrei approcciarmi alla pulizia per affinità dei grassi anziché per contrasto col classico shampoo. La scelta è fra il cowash e un olio shampoo bio (sì, bio). Almeno inizialmente sono propenso col cowash in quanto mi sembra più vicino al concetto di cui sopra e ho capelli fragili che tendono al crespo molto facilmente. Quando provai il cowash diversi anni fa, fu un disastro salvo poi scoprire di aver usato un balsamo ricco di grassi e poveri di cationici e quindi vorrei ritentare con un prodotto più adatto. 1) > @Fabrizio ecobiocontrol > Mentre i cationici pesanti Specificamente a quali ti riferisci? 3) Non avendo alcuna carica elettrica, invece ha senso aggiungere dei tensioattivi non-ionici (ed eventualmente anche gli anfoteri) ad un balsamo per favorire il risciacquo, rendendo l'emulsione più leggera? 4) Considerando che i tensioattivi cationici emulsionano i grassi e puliscono per affinità preservando il film idroli pidico dei capelli, è applicabile lo stesso concetto anche per il lavaggio del corpo nella doccia allo scopo di mantenere un migliore equilibrio idrolipidico della pelle? I cationici di un balsamo per capelli possono essere sufficienti in questo caso? 5) Dovendo scegliere fra diversi prodotti, gli oli essenziali agli agrumi (tipo l'oe al limone) a moderate quantità possono essere adatti a qualsiasi tipo di capello, anche quelli crespi? 6) A riguardo di aggressività e capacità di sgrassamento c'è differenza fra il classico Sodium Lauroyl Sarcosinate e il Sodium Myristoyl Sarcosinate? Idem fra il più conosciuto Sodium Lauroyl Glutamate e Sodium Myristoyl Glutamate

Fabrizio ecobiocontrol
Wed, 16 Jun 2021 15:48:41 GMT

Ciao utente, vediamo un po': 1) Specificamente a quali ti riferisci? Quelli con peso molecolare superiore a 800 come il dimetil distearil ammonio cloruro. Chissà se c'è modo di sapere il PM dei cationici da qualche sito, semmai fammi una lista (corta please) che te li calcolo io. Ok? 3) No, non ha nessun senso. I cationi sono già ampiamente sufficienti per tenere in emulsione tutto ed anche a livello di cowash funzionano alla grande. Se c'è solo esterquat invece una aggiuntina ci vuole. 4) Come no? Anzi c'è tutta una scienza che studia le creme cationiche. Con risultati molto buoni. 5) Domandiamoci a cosa dovrebbero servire questi OE, a profumare? Sì ma sono così volatili che dopo due minuti non si sentono più. Allora servono OE curativi ma qui il confine tra bontà cosmetica ed avvelenamento è troppo vicina. Devi stare molto attento. 6) A riguardo di aggressività e capacità di sgrassamento c'è differenza fra il classico Sodium Lauroyl Sarcosinate e il Sodium Myristoyl Sarcosinate? Il primo è più "piccolo" quindi si intruffola maggiormente negli spazi che trova e gen eralmente è più irritante. Ma stiamo parlando della differenza tra le gambe posteriori ed anteriori di una mosca. Idem fra il più conosciuto Sodium Lauroyl Glutamate e Sodium Myristoyl Glutamate: idem, vedi sopra. Ciao Fabrizio

utente01
Thu, 17 Jun 2021 07:36:19 GMT

> @Fabrizio ecobiocontrol > Devi stare molto attento Proprio perché gli oli essenziali sono materia delicatissima, da anni prendo prodotti da un'azienda professionale bravissima calibrarli, ottenendo solo benefici. - Questo inci è di uno dei balsami usati anno fa per il cowash. Non ho mai capito come mai mi lasciasse i capelli estremamente unti e pesanti. Eppure i grassi sono alla fine e sembrano essercene pochi. Aqua,Cetearyl Alcohol, Distearoylethyl Hydroxyethylmonium Methosulfate, Octyldodecanol, Zea Mays Starch/Corn Starch, Tocopherol, Nelumbo Nucifera Flower Extract, Camelina Sativa Oil/Camelina Sativa Seed Oil, Benzoic Acid, Caprylyl Glycol, Prunus Armeniaca Kernel Oil/Apricot Kernel Oil, Prunus Amygdalus Dulcis Oil/Sweet Almond Oil,Parfum Secondo te chi potrebbe essere il colpevole? Forse che l > @Fabrizio ecobiocontrol > semmai fammi una lista (corta please) che te li calcolo io - Sei talmente gentile che non vorrei abusare della tua disponibilità! Se vedi che stai perdendo troppo tempo, lascia perdere, non fa niente! Essenzialmente mi interessa riguardo ai cat ionici dei prodotti che potrei comprare: Behenamidopropyl dimethylamine e un esterquat qualsiasi tipo Distearoylethyl Hydroxyethylmonium Methosulfate. (non ti chiederei del Behentrimonium Chloride e cetrimonium chloride in quanto da anni non li uso e quindi a livello pratico non mi servirebbe) Grazie!