ecobiocontrol

Open full view…

Info su idrolati

SandyB
Sat, 11 Jan 2020 13:05:58 GMT

Ciao Fabrizio e ciao a tutta la community, Volevo avere qualche info generale sull'uso di idrolati.... Mi hanno regalato un idrolato di rosa Rosa Damascena Flower Water, Benzyl Alcohol, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate Va bene come tonico viso, puro ho letto, corretto? Un idrolato camomilla Chamomilla Recutita Flower Water, Benzyl Alcohol, Sodium Benzoate, Potassium sorbate Si può usare per i capelli per renderli lucidi? Schiarisce? Anche bambina di otto anni? Si usa puro? E altri tipo lavanda, hammamelis, arancio.... Che usi si possono fare? Si possono mettere anche nel liquido lavatrice per profumare? Si possono aggiungere in detergenti corpo? GRAZIE TANTE per i consigli!!

Fabrizio ecobiocontrol
Sat, 11 Jan 2020 17:46:31 GMT

Hai una fantasia straripante visto tutti gli usi che hai proposto. Se però vuoi sapere quello ideale, allora ti rimane la funzione di tonico. La rosa va benissimo mentre, ad esempio come profumante lo troverei uno spreco. Ciao Fabrizio

mariliste
Fri, 19 Feb 2021 10:02:58 GMT

Ciao, mi aggancio a questa discussione, una cosa che mi chiedo sempre: gli idrolati hanno delle effettive proprietà cosmetiche? So già che l'idrolato di amamelide ne ha, ne abbiamo parlato tante volte, ma vorrei sapere se gli altri idrolati, per esempio camomilla, lavanda, rosa e fiordaliso sono solo acque profumate o contengono effettivamente principi attivi importanti? Grazie ciao Lisa

Fabrizio ecobiocontrol
Fri, 19 Feb 2021 16:47:51 GMT

Guarda mariliste, tutti gli idrolati, poco o tanto, hanno caratteristiche igienizzanti, emollienti, idratanti. E poi ce ne sono con caratteristiche specifiche come l'amamelide che hai giustamente ricordato. Ma rispetto ad un olio essenziale sono come un bambino alla materna rispetto ad un preside di facoltà. A me stanno più simpatici i bambini della materna ma cosmeticamente parlando non c'è confronto. Ovvio che, in questa fase storica, si tenda ad esaltarne le proprietà e questo per due motivi: il primo motivo è che una certificazione che va di moda ma che non mi piace assolutamente, impone di metterci moltissima materia biologica e quindi si fanno delle distillazioni infinite per ottenere grandi quantità di acque di condensazione (perfettamente inutili) e poi perché altrimenti i distillatori dovrebbero portare queste acque al depuratore. Mai visto uno farlo. Insomma se va bene è una presa in giro dei consumatori, se va male si inquina- Ciao Fabrizio