ecobiocontrol

Open full view…

Rilassamento cutaneo

arimad
Sat, 16 Jun 2018 20:01:36 GMT

Ciao a tutti. Come avrete capito dal titolo, vorrei capire come limitare questo problema, presente non solo sul viso. Io non ho grossi problemi di rughe, ma negli ultimi mesi ho la sensazione che la mia pelle si stia svuotando, non è più soda come prima e anche i lineamenti del viso ne stanno risentendo.Ho cercato sul web e ho travato quanto segue. Protezione da radicali liberi Idealmente la pelle è dotata di un sistema antiossidante di difesa, efficiente e completo, ma i continui insulti ossidativi ai quali è sottoposta ne provocano un deleterio impoverimento. Una strategia per implementare le difese cutanee - inibendo così la lipoperossidazione di membrana, la denaturazione proteica e la depolimerizzazione dell'acido ialuronico - risulta essere l'integrazione di tale bagaglio, mediante l'applicazione topica di formulazioni cosmetiche ad attività antiossidante. E' possibile distinguere due categorie di antiossidanti utilizzati in campo cosmetico. Il primo gruppo comprende le vitamine, cui appartengono sostanze come l'acido ascorbico e la vitamina E. Azione su collage ne ed elastina La perdita della risposta elastica può essere prevenuta intervenendo indirettamente sull'elastina. Ciò può essere fatto attraverso l'applicazione di sostanze insaponificabili che agiscono da stimolatori sui fibroblasti, favorendo la sintesi di elastina e consentendo quindi un ricambio delle fibre elastiche. I più utilizzati sono quelli di avocado, di soia, di karitè, di olio d'oliva.3 Il retinolo o vitamina A svolge un'azione primaria sull'accrescimento e sul trofismo del tessuto epiteliale, e sulla differenziazione e trasformazione delle cellule. La vitamina C partecipa alla sintesi del collagene come cofattore della idrossilasi che trasforma nel pro-collagene i residui di prolina e lisina in idrossiprolina ed idrossilisina. Estratti vegetali ricchi di triterpeni, come quelli provenienti dalla Centella asiatica, Ginseng e Ginko bibloba, sono in grado di stimolare l'attività dei fibroblasti con conseguente aumento del collagene nativo di tipo I e III, e della sostanza fondamentale amorfa. Mostrano spiccata azione di stimolo sulla sintesi di collagene anche gli isoflavoni della soia. L'estratto di Kigelia africana è particolarmente ricco in flavonoidi e saponosidi steroidei, cui viene riconosciuto un effetto tensore e rassodante. La composizione peptidica dell'estratto di questa pianta africana genera una rete elastica a livello del tessuto cutaneo ed agisce donando compattezza al derma. La sua azione aiuta a prevenire il rilassamento, tonificando ed idratando la pelle. L'estratto di Humulus lupulus, caratterizzato dalla presenza di fitoestrogeni, flavonoidi, proteine, acidi fenolici e tannini, risulta efficace nel miglioramento del tono e del turgore cutaneo. Il primo punto penso di poterlo attuare facilmente con la vitamina e, ma il secondo non mi è molto chiaro. Devo comprare un prodotto già pronto o posso aggiungere ad una crema che già utilizzo vitamina E e qualche altra sostanza? Mi rendo conto che dobbiamo anche accettare il passare del tempo, ma se possiamo rallentare i suoi effetti perché non provare! ;)

littlepao
Mon, 11 May 2020 18:22:45 GMT

Si si, la differenza mi è chiara, ma dovendo acquistare trovo solo thocoferol, non del tipo acetate.

Fabrizio ecobiocontrol
Tue, 12 May 2020 18:11:05 GMT

> @littlepao > Eccomi Fabrizio, forse ho trovato. Questa può andare bene? No, questa miscela di tocoferoli non meglio precisata non va bene. Ma dobbiamo, a questo punto spendere due parole su questa vitamina. La questione è piuttosto semplice a dire il vero: la vitamina E è fortemente LIPOsolubile e praticamente è insolubile in acqua. L'effetto antiossidante è certamente migliore nella versione vitamina E pura rispetto alla versione (inesistente in natura) acetato. Ma è talmente poco solubile in acqua che neppure la nostra pelle riesce a trattenerla e veicolarla negli strati interni. Quindi il tocoferolo protegge egregiamente la crema ma una volta che arriva sulla pelle fa poco o niente. Più niente che poco! Allora è stata inventata la versione acetato che è nettamente più solubile in acqua e quindi si disperde meglio in una crema o in un idrolato ma soprattutto è utilizzabile dalla nostra pelle. Quando arriva sul derma penetra un pochino e lì trova degli enzimi c he la degradano ad acido acetico e tocoferolo. Cioè la vitamina E pura che ormai essendo dentro il derma farà il suo egregio lavoro. Insomma la versione che serve a noi è quella acetato. Ciao Fabrizio

littlepao
Tue, 12 May 2020 19:54:54 GMT

Grazie Fabrizio, spero proprio di trovare questa versione allora. Tieniti stretto questo tread perché avrò bisogno di un tuo ok a conferma del fatto di aver trovato quella giusta😂😂.

Momo
Wed, 13 May 2020 09:48:02 GMT

https://www.zenstore.it/Tocoferolo-acetato-Tocoferil-acetato-vitamina-e/

littlepao
Wed, 13 May 2020 14:18:08 GMT

ciao Fabrizio, questo prodotto che mi ha gentilmente suggerito Momo può andare bene? https://www.zenstore.it/Tocoferolo-acetato-Tocoferil-acetato-vitamina-e/

Fabrizio ecobiocontrol
Wed, 13 May 2020 17:33:24 GMT

Sì, questo è esattamente il principio attivo a cui alludevo. Grazie Momo. Ciao Fabrizio

littlepao
Wed, 13 May 2020 19:01:45 GMT

Evviva! Ora, aiutami ancora un pochino, Fabrizio. Il formato in vendita è di 10 ml. Quale proporzione miscelandolo con olio di vinaccioli in un dispenser da 200 ml? Aggiungo all'olio e poi agito? Grazie

Fabrizio ecobiocontrol
Thu, 14 May 2020 09:43:19 GMT

Ok, allora gli strumenti li abbiamo e adesso si tratta di accordarli. Come dicevo la quantità di vit. E acetato deve essere molta altrimenti non serve. Ma ho fatto, a questo proposito, il calcolo del "margine di sicurezza" che è pari a 30% per una dose compatibile con un normale burrocacao. Rimaniamo in questo ambito. Quindi devi pesare 30 grammi di vitamina E acetato e 70 grammi di olio e mescoli assieme. Finito! Questo preparato non ha bisogno di niente altro né conservanti né filtri, nulla! Ti dura almeno 3 - 5 anni Ciao Fabrizio

littlepao
Thu, 14 May 2020 10:42:08 GMT

Grazie Fabrizio!!! Sei stato chiarissimo!!! Solo un dubbio, dovendolo usare per il corpo però le dosi non sono un po' pochine?

Fabrizio ecobiocontrol
Thu, 14 May 2020 14:51:17 GMT

Sai littlepao, ho sentito questa domanda centinaia di volte ed ho quindi imparato la risposta: il corpo umano ha un consumo di vitamina E pari a 10 mg al giorno. Questa quantità, anche se tu non ne assumessi affatto con la frutta, la verdura eccetera, la ritroveresti in mezza goccia di olio fatto come sopra, e la mezza goccia la dovresti poi dividere per dieci e metterla sotto radice quadrata e sarebbe ancora tanta. Ok, noi abbiamo bisogno di una dose shock e stai tranquilla che questo prodotto lo shock te lo da! Ma io devo stare attento anche a non esagerare altrimenti qui si va a finire che si fa la pipì più cara del mondo come gli americani e si rischia di andare oltre il MoS (margine di sicurezza) e quindi ho preferito darti indicazioni precise e sicure. Perché sembra che siamo qui a scherzare ma quando dico che questo è il forum più serio che ci sia in giro, ci credo veramente. ;) Ciao Fabrizio

littlepao
Thu, 14 May 2020 16:50:15 GMT

Grazie Fabrizio, mi affido totalmente alla tua competenza e seguirò alla lettera la procedura che mi hai indicato con relativi quantitativi di materiale. Ti farò sapere come è andata😊

littlepao
Tue, 23 Jun 2020 22:20:57 GMT

Ciao Fabrizio, ti scrivo nuovamente per darti un feedback sulla famosa composizione: 30 grammi di vitamina E acetato e 70 grammi di olio di vinaccioli per idratare il corpo. Ho aspettato un po' a scrivere per poter cogliere meglio gli effetti e devo dire che sono proprio soddisfatta. La mia pelle che generalmente è molto secca ha tratto grande beneficio: la sento più liscia e compatta. Specifico che uso questa formulazione solo per il corpo perché sul viso la sensazione dell'olio, avendo una pelle mista, non mi piace molto. Volevo però parlarti di un problema che ho riscontrato anche prima di questa composizione. Ed è questo: l'olio di vinaccioli, seppur non mi sembri affatto irrancidito, lascia un odore terribile dopo l'utilizzo sia sull'asciugamano che sui vestiti, persino sulle lenzuola. Un pdore davvero sgradevole: letteralmente di olio esausto. Anche lavando vestiti e accappatoio persiste (ho dovuto buttare addirittura un pantalone di un pigiama, giuro! E non sai quante volte l'ho lavato e ri-lavato). È possibile che io abbia acquistato un olio di bassa qualità (l' ho comprato al supermercato) o è proprio l'olio di vinaccioli che lascia questo odore sgradevole? O sono io che ne metto troppo? Qualche altro utente del forum ha mai riscontrato questo problema? E, Fabrizio, c'è eventualmente modo di "ingentilire" questo olio magari aggiungendo qualche goccia di un qualche olio essenziale? Non vorrei proprio rinunciare alle proprietà di quest'olio che davvero idrata in maniera egregia la pelle come nessuna crema mai. Specifico che io lo uso subito dopo la doccia quando la pelle è completamente bagnata. Grazie Fabrizio!

cybermarzia
Wed, 24 Jun 2020 06:52:04 GMT

Ciao. Io lo uso spesso prima dello shampoo. Tengo la bottiglia (in plastica scura) all'interno della doccia. Sinceramente non ho mai riscontrato cattivo odore però faccio nel giro di pochi minuti lo shampoo. Stasera controllo meglio l'odore...

arimad
Wed, 24 Jun 2020 07:51:16 GMT

Ciao Fabrizio, vorrei un chiarimento: nella discussione "protezione capelli al mare" avevo riportato una tua risposta della ecobioenciclopedia in cui consigliavi il 30% di vitamina E e mi avevi detto che era troppo, ora confermi e io sono un po' confusa. > @Fabrizio ecobiocontrol > Ciao arimad, forse le mie deduzioni sulla vitamina E sono state troppo drastiche ma è che ho visto i prezzi di questa sostanza lievitare enormemente negli ultimi tempi. Confermo comunque che il 30% è troppo. Il 10 mi sembra più che appropriato.

Fabrizio ecobiocontrol
Wed, 24 Jun 2020 09:23:31 GMT

> @littlepao > devo dire che sono proprio soddisfatta. Bene bene bene! > @littlepao > l'olio di vinaccioli, seppur non mi sembri affatto irrancidito, lascia un odore terribile strano perché a me non ha mai dato questa reazione. Facciamo così: prova a prenderne un altro flacone e vediamo se era una partita di olio non perfettamente conservata o se è proprio lui ad essere così. Se la situazione non migliora vediamo di cambiare olio. Ma ci devo riflettere un attimo. > @arimad > consigliavi il 30% di vitamina E e mi avevi detto che era troppo, ora confermi e io sono un po' confusa. La questione è questa: la vitamina E è particolarmente stabile, poco o nulla biodegradabile e estremamente attiva. Una sostanza con queste caratteristiche è coì potente da poter dare dei problemi se si esagera. Come si può fare allora per andare sul sicuro? Si fanno i conti! E se si fanno bene si scopre che la vitamina E deve essere usata al massimo al 30% altrimenti si entra in un'area a rischio che è meglio evitare. Quindi una cura shock può benissimo essere eseguita con percentuali elevate d i tocoferolo ma poi si deve scendere in fase di mantenimento. Poi dipende anche dall'uso: in uno stick labbra si deve andare molto piano perché addirittura si può ingerire mentre per i capelli, dove l'assorbimento cutaneo è minore, si può aumentare il dosaggio. In linea di massima dico di andarci piano come lo dico per gli oli essenziali ed altre categorie a rischio di essere troppo efficaci. Ciao Fabrizio

littlepao
Wed, 24 Jun 2020 19:17:48 GMT

> @Fabrizio ecobiocontrol > strano perché a me non ha mai dato questa reazione. Facciamo così: prova a prenderne un altro flacone e vediamo se era una partita di olio non perfettamente conservata o se è proprio lui ad essere così. Se la situazione non migliora vediamo di cambiare olio. Ma ci devo riflettere un attimo. Grazie Fabrizio, oggi ho comprato un nuovo flacone di olio di vinaccioli. Ho cambiato supermercato e dunque anche marca. Ne ho trovato uno, italiano al 100% da NaturaSI. Aprendolo l'ho sentito completamente inodore. Vediamo se la situazione migliora. Ti tengo aggiornato. grazie!!!

arimad
Thu, 25 Jun 2020 08:01:02 GMT

Grazie Fabrizio per il chiarimento. Io non amo particolarmente l'olio, potrei aggiungere la stessa quantità di vitamina ad una crema corpo per prevenire l'inaridimento della pelle nel periodo che ci si espone al sole? Magari se noto che già è contenuta nell'inci diminuisco un po' la percentuale.

Fabrizio ecobiocontrol
Sun, 28 Jun 2020 15:28:47 GMT

Dipende dalla vitamina e dalla crema. Se ci dai qualche dettagli in più magari ci ragioniamo meglio. Ciao Fabrizio

arimad
Mon, 29 Jun 2020 09:30:49 GMT

Parlavamo della vitamina E da aggiungere all'olio con una percentuale del 30%. La crema è quella nell'immagine. [IMG_20200629_112737](//muut.com/u/ecobiocontrol/s3/:ecobiocontrol:aHaQ:img_20200629_112737.jpg.jpg)

Fabrizio ecobiocontrol
Mon, 29 Jun 2020 16:26:21 GMT

Ma certo, arimad, ottima crema e ottimo livello di vitamina. Tutto ok. Ciao Fabrizio

next
last page