quickloox

Open full view…

Lo scontrino sui prezzi

Sun, 06 Nov 2016 08:34:29 GMT

briand06
Sun, 06 Nov 2016 08:34:29 GMT

@lux: Io credo che l'ondata di critiche che ha subissato i nuovi MBP non derivi dal prezzo in sé ma dal rapporto fra prezzo e prestazioni. I prodotti Apple sono sempre stati costosi, più della media, ma chi li usa lo fa perché garantiscono una durata nettamente maggiore della concorrenza e una esperienza d'us incomparabilmente migliore. Il tuo MBP ne è un chiaro esempio, come il mio iMac di casa che ha appena compiuto 8 anni e fa ancora più che degnamente il suo lavoro. Le tue argomentazioni, anche se molto valide e ragionevoli, hanno secondo me qualche punto debole: -- ti prego, non mi fare andare a cercare dati e specifiche di otto anni fa, ma a memoria direi che il livello della configurazione del tuo MBP del 2008 fosse molto più vicino ai limiti della tecnologia di allora rispetto ai MBP di oggi. Per dire, il processore del modello top, [Intel Core 2 Duo](https://support.apple.com/kb/SP503?viewlocale=it_IT&locale=en_US) (a 2.93GHz con 6MB di cache L2 condivisa) era uscito nel dicembre 2008, e la RAM era già DDR3, i MBP _late_ 2016 hanno... processore di un anno e pi ù fa e RAM DDR3 (e per di più del tipo low power per questa fissazione di decine di ore di batteria che vanno benissimo per l'iPad o l'Air, ma sono a mio avviso inutili per il MBP: quante ore al giorno usi in media il MBP lontano da una presa elettrica?) -- 16 GB max di RAM _oggi_ sono una limitazione gravissima. -- il confronto sui prezzi dovrebbe essere fatto su quelli iniziali di acquisto, 3.000 vs. 4.100 euro, che alla luce di quello scritto sopra non è una differenza da poco, più di 1/3 in più. -- la questione prezzo diventa ancora piùù spinosa se si considera che hai potuto aggiornare la configurazione del MBP raddoppiando la RAM e installando un SSD. Questi nuovi modelli, una volta ordinati non sono più modificabili, quindi la scelta (e il costo) iniziale diventa ancora più importante per un uso a lungo termine della macchina. Detto questo, è chiaro che i MBP late 2016 hanno parecchi aspetti interessanti, touchpad e touch ID su tutti IMHO (sulla touch bar aspetto maggiori informazioni). Ma è troppo poco per un modello presentato con lo slogan "hello again".

briand06
Sun, 06 Nov 2016 09:08:03 GMT

In ogni caso, è bello avere opinioni diverse e poterle esprimere rispettando quelle altrui. Diventa sempre più difficile :(

kOoLiNuS
Sun, 06 Nov 2016 11:02:05 GMT

@lux … ma tu gli altri 1300€ li hai spesi nel corso del tempo e non come investimento iniziale. Se avessi aspettato, diciamo due o tre anni la RAM l'avresti pagata la metà, e aspettando qualcosa di più avresti pagato la metà o 1/3 il disco SSD. Oggi invece, comprare un Mac è comprare un'autovettura. Quello che compri ti tieni e se non ti va bene lo vendi. Se hai sbagliato l'acquisto perdi immediatamente almeno 1/5 di quanto hai speso. Nel mio caso per un MacBook Pro late 2016 che mi fornisca tutto quello che ho adesso, al doppio, significa un investimento economico di circa 5000€. Semplicemente NON ho questi soldi ne un piano per "rientrare dell'investimento" in otto anni.

frix01
Sun, 06 Nov 2016 13:03:40 GMT

Mi paiono tutte agomentazioni ben esposte. Mi sento un po' in sintonia Briand e Koolinus. Un altro fatto è che io 8 anni fa guadagnavo gli stessi soldi per comprarmi il mac con meno difficoltà rispetto ad ora, e, ingenerale, tutte le spese erano gestibil con più serenità. Poter riparare con costi diluiti nel tempo a qualche erroruccioo iniziale o migliorare le prestazioni nel tempo è un paracadute che fa piacere avere.

paoloo
Sun, 06 Nov 2016 16:41:56 GMT

> otto anni dopo posso avere il doppio di tutto alla stessa cifra di otto anni fa Si chiama progresso. In campo tecnologico è la norma. Se fai il paragone con 16 anni fa vai ancora meglio.

Lucio Bragagnolo
Sun, 06 Nov 2016 18:24:26 GMT

@kOoLiNuS: a chiarimento: ho aggiornato la RAM _immediatamente_ e non nel tempo. Ho pagato la Ram molto più di quanto l'avrei pagata aspettando, ma a me serviva la Ram per lavorare professionalmente, non serviva aspettare. Lavoro tuttora adesso con otto gigabyte di Ram, che nel mio caso sono adeguati (certo, non ottimali) per lavorare. L'Ssd è stato aggiunto più avanti per una semplice ragione: non esistevano Ssd nel 2009. Se ci fossero stati subito li avrei messi subito, spendendo la cifra necessaria *immediatamente*. _Professionista_ e _diluisco gli acquisti nel tempo_ secondo me sono in contraddizione: professionista significa _mi serve il meglio, ora_.

Lucio Bragagnolo
Sun, 06 Nov 2016 18:28:15 GMT

@briand06: punti buoni. Ho qualcosa da dire solo sulla scheda grafica: ovviamente quello che era il massimo nel listino Apple (e ho comprato nel MacBook Pro) era classificato come mediocre da chiunque parlasse di schede grafiche. Credo che nella storia non sia mai esistito un portatile Apple considerato al top per la scheda grafica e quindi una critica di questo tipo sui MacBook Pro appena annunciati mi sembra solo l'ennesima di una serie pluriennale. Su Kaby Lake abbiamo già parlato, credo che la verità vera stia negli uffici di Apple e non sapremo mai quanto fosse realmente praticabile l'opzione. Ovviamente si discute per imparare, non per avere ragione, ed è sempre un piacere discutere tra persone. :-)

Lucio Bragagnolo
Sun, 06 Nov 2016 18:30:04 GMT

@paoloo: non hai idea di quanto sia fragile il complesso delle tue affermazioni.

briand06
Sun, 06 Nov 2016 21:43:18 GMT

@lux: Verissimo, le schede grafiche sono state sempre il punto critico dei MBP. Un aspetto fondamentale per alcuni e quasi irrilevante per altri (mi metto in questa seconda categoria), che è diventato improvvisamente più importante dopo gli ultimi annunci. Perché? Non ho la sfera di cristallo e parlo per me: proporre la touch bar come l'aspetto chiave dei nuovi MacBook Pro e lasciare il resto a un livello non eccelso non mi sembra una grande idea.

Edoardo Volpi Kellermann
Mon, 07 Nov 2016 05:32:42 GMT

Il bello ê che tutte queste polemiche sono sulla carta, non da parte di persone che abbiano effettivamente provato le macchine. Ora io non sono un super tecnico, ma in 21 anni che uso Mac una cosina l'ho imparata.i Mac all'atto pratico hanno funzionato sempre meglio rispetto a macchine che sulla carta avevano prestazioni superiori. Mi guardo intorno e mi sento così solo...

fokewulf
Mon, 07 Nov 2016 11:04:31 GMT

Ho letto in lungo e in largo l'argomento prezzo/hardware/prestazione dei nuovi Macbook Pro; in certi casi accetto le critiche di @koolinus, ma mi sono fatto una mia idea dopo aver guardato il mio Macbook Pro Early 2013. Parto dalla premessa che nel 2013 il mio iMac del 2006 arrancava e mi serviva un computer che mi potesse dare una buona performance in mobilità e nello stesso tempo anche potenza desktop. Così scelsi il MBook Pro Retina da 15"; dovetti rinunciare alla potente CPU i7 da 2.7 per "pompare" la RAM a 16Gb (per avere buone prestazioni con il CAD) e avere la scheda video da 1Gb Proprio in questi giorni guardavo la pagina dello Store per farmi un’idea… a parte la nota stonata della CPU che è praticamente rimasta la stessa (a dire la verità la mia CPU odierna è un 2.4 i7, quindi avrei un bump di 0.2Ghz!) il resto potrebbe convincermi ad un acquisto. Cosa mi convince? Innanzitutto la sceda video da 2Gb, la RAM già a 16Gb e i nuovi SSD. Ma voi mi direte, si, ma tutto questo ti costa ben 2800 euro!? Vero. Ma nel 2013 di euro ne spesi ben 2760 (vero che c’era anche l’Apple Care). Devo dire che fu un’azzardo spendere tutti qui soldi 3 anni fa, ma professionalmente risultò un investimento azzeccato. Ho fatto e faccio molte attività presso i clienti e a casa nel mio studiolo. Una macchina che a parte gli aggiornamenti o piccoli problemi non è mai stata spenta (infatti la batteria comincia a risentirne). Vero è che sarebbe meglio una macchina desktop per certi programmi come il CAD 3D… ma non potrei mostrare il lavoro al cliente o lavorare presso di loro con buone prestazioni. Si fanno scelte, Apple e le sua macchine rimangono tra le principali sia per il rapporto durata/prestazioni, sia per l’ecosistema che mi sono creato. Questa volta le novità non erano eclatanti, ma personalmente mi sento di consigliare l’acquisto di un Macbook Pro a un collega disegnatore CAD.

frix01
Mon, 07 Nov 2016 12:54:10 GMT

Anche le argomentazioni di Daniele Borghi presentano ragionevolezza e coerenza. A me non serve una macchina per far cad fuori studio. Nei rari casi me ne va bene anche anche una meno potente. La sostanza è ciò che nei blog di lux si è ripetuto decine di volte: si deve prendere quel serve nel momento in cui serve e i mac, mediamente, anche se più cari all'acquisto durano di piú e costano meno (o zero) di manutenzione. L'impossibilità di fare aggiustamenti in corso obbliga, oggi, a studiare di più cosa serve e valutare meglio le probabili necessità future. Perlomeno a chi come me non ama cambiare spesso modelli e tendenzialmente non vende quelli dismessi.